Oltre 20 domande, dubbi ed errori da evitare sul profilo Linkedin

Oltre 20 Domande Dubbi ed Errori da evitare su Linkedin

Questo articolo contiene oltre 20 tra domande, dubbi ed errori da evitare sul profilo Linkedin che sono stati oggetto della prima sessione 2021 Question & Answer del programma di formazione denominato Linkedin HUB di cui trovi info nella pagina Corsi Online

Le domande sul Profilo Linkedin

Il Sommario Linkedin

Nel Sommario è consigliabile essere sintetici e puntare al ruolo prevalente o dettagliare le varie specializzazioni, anche non tutti i caratteri vengono visualizzati a destra del nome quando pubblico un post ?

Mi sembra che il motore di ricerca analizzi soprattutto il sommario per la ricerca delle parole chiave, quindi potrebbe essere opportuno indicare tutte le attività per le quali desidero che mi trovino dal motore di ricerca?

Il sommario Linkedin può contenere al massimo 220 caratteri ed è consigliabile indicare in modo esaustivo ogni parola chiave con cui la nostra buyer persona potrebbe cercarti, anche se non tutti i 220 caratteri vengono visualizzati sempre.

Nei risultati del motore di ricerca, a lato dei post pubblicati o nei commenti vengono visualizzati tra gli 80 e i 90 caratteri dei 220 totali, pur il motore di ricerca legge tutti i 220 caratteri del sommario.

Alla luce di questo posso consigliarti di puntare ai primi caratteri per le parole chiave che desideri che le persone leggano in ogni momento dell’esperienza su Linkedin ed inserire comunque tutte quelle che possono essere utili a rintracciarti su Linkedin.


Consigli di aggiornare periodicamente il sommario in base a nuove attività svolte oppure è meglio effettuare modifiche meno frequenti e avere un sommario più stabile?

Non conta su Linkedin un concetto di stabilità nel profilo, ciò che conta è trasmettere chi sei, cosa fai e cosa puoi fare per gli altri che ti cercano o che ti hanno trovato attraverso un post.

Il sommario Linkedin come del resto tutto il profilo, è la tua identità digitale professionale per cui cresce e si evolve con te.


Le notifiche da attivare su Linkedin

Attivando le notifiche dei cambiamenti di attività o del compleanno non si crea un effetto spam verso le persone che ricevono le mail di avviso?

Serve tenerle attive o è meglio disattivarle?

Se attivi dai settaggi privacy le notifiche di compleanni e cambio attività da parte delle persone nel tuo network, sei tu che ricevi le notifiche e pertanto non corri in alcun modo il rischio di spam.

Rappresentano un ottimo modo per essere sempre aggiornato su cambiamenti e novità relativamente ai tuoi collegamenti, possono essere un modo per creare relazione, essere ricordato, dimostrare interesse verso le altre persone a cui sei collegato.

Consiglio però di non lasciare attive tutte le notifiche ma solo quelle che potrebbero esserti utili, ad esempio il cambio attività perché permette di seguire un tuo contatto nella sua crescita professionale o cambio di posizione lavorativa e quelle del compleanno per poter essere presente anche in un momento personale, nonostante la natura di Linkedin sia principalmente legata al mondo business.


Inserire le keyword nel sommario Linkedin vicino al nome o cognome

Mi è stato suggerito di inserire la keyword principale (ossia il mio ruolo lavorativo per cui desidero apparire nei risultati delle ricerche) anche nei dati anagrafici. È corretto oppure è un errore?

Il Contratto di Licenza di Linkedin all’articolo 2.1 recita testualmente “Per utilizzare i Servizi, Lei accetta che: (1) deve avere l’Età minima (definita di seguito) o maggiore; (2) deve avere un solo account LinkedIn, che dovrà corrispondere al Suo vero nome; e (3) il Suo utilizzo dei Servizi non è mai stato sospeso da LinkedIn. La creazione di un account con informazioni false rappresenta una violazione dei nostri termini e condizioni, inclusi gli account registrati per conto di terzi o di persone di età inferiore ai 16 anni.

Ecco per quale motivo, al di là della migliore indicizzazione del nome con specifiche della propria attività, inserire altre definizioni, soprattutto se identificano una società / azienda potrebbero rappresentare un rischio che sconsiglio di correre, pena la chiusura del tuo account su Linkedin per violazione dei termini contrattuali.


Le esperienze lavorative su Linkedin

Esperienze lavorative: citando l’azienda in cui abbiamo svolto o svolgiamo un’attività lavorativa, Linkedin suggerisce la pagina/logo che possiamo utilizzare. Questo è possibile solo se l’azienda ha una pagina Linkedin?

Linkedin permette di indicare nelle esperienze di lavoro qualsiasi azienda ma ne inserirà il logo solo se esiste la pagina Linkedin dell’azienda stessa. Non è quindi possibile inserire manualmente un logo o collegare l’esperienza ad un sito esterno.

Lo stesso vale per le Scuole/Enti di formazione/Università nella sezione della Formazione.


Come compilare in modo corretto la sezione “esperienze”?

La sezione delle esperienze va compilata in modo più dettagliato possibile indicando

  • Azienda – in proposito ti ricordo di porre attenzione che compaia il logo corretto della pagina corrispondente a quell’azienda
  • Ruolo svolto presso quell’azienda
  • Periodo di svolgimento – se la posizione è ancora aperta spuntare “Attualmente lavoro qui” ed è possibile avere più posizioni lavorative aperte in contemporanea
  • Descrizione dell’attività svolta – ricordati in proposito che questa sezione viene letta dal motore di ricerca di Linkedin, quindi ti consiglio di inserire le parole chiave con cui stimi che la tua buyer persona possa effettuare ricerche ed inserirle nella descrizione
  • Allegati e Link – con ogni tipo di contenuto multimediale disponibile a spiegare dettagliatamente il tipo di attività svolta e che abbiano un impatto visivo immediato

Il consiglio è di suddividere l’esperienza presso la medesima azienda, se hai ricoperto ruoli diversi nel tempo o anche nello stesso periodo.

Per suddividere un’esperienza di lavoro

  1. cliccare sul simbolo + della sezione Esperienze
  2. aggiungere il ruolo con il medesimo logo aziendale
  3. inserire la descrizione e i contenuti multimediali relativi
  4. salvare la nuova esperienza che verrà sistemata all’interno dell’esperienza globale nell’azienda esistente
  5. potrai spostare le esperienze di lavoro attive con il simbolo del quadrettino a righe, visibile sul lato destro della sezione

Le competenze su Linkedin

Sezione “Competenze”: so che è consigliabile inserire delle parole chiave; posso utilizzare il documento di “analisi keyword” realizzato in funzione del mio sito web in cui presenti davvero molte parole chiave (con numeri di ricerca e difficoltà di posizionamento SEO) ?

E’ meglio inserire queste parole chiave o le reali competenze?  potrebbero anche essere servizi correlati?

La sezione Competenze è bene che contenga le parole chiave relative alle tue competenze ma anche i servizi che offri (e su cui sei competente).

Questa sezione viene letta dal motore di ricerca, pertanto sarà improbabile che qualcuno cerchi una competenza generica come Management (che è tra le competenze che Linkedin suggerisce praticamente a tutti), di contro chi cerca uno specialista punta a determinate caratteristiche, servizi offerti e hard skill.

Le competenze devi intenderle come Keyword importanti del tuo profilo.

Le giuste competenze varranno a posizionarti meglio nel motore di ricerca, soprattutto se con molte conferme.

Ti consiglio quindi di mixare competenze e servizi offerti utilizzando le parole chiave utilizzate dalla tua buyer persona. Tecnicismi e termini in inglese sono utili se ben noti ed utilizzati dalla persone che desideri raggiungere su Linkedin.

Utilizzare tool gratuiti come Google Trend può essere un valido aiuto, così come puoi riadattare a Linkedin la ricerca delle Keyword studiata per il tuo sito, considera però che entrambi i metodi fanno riferimento al motore di ricerca Google e non Linkedin, pertanto prima di decidere quali parole utilizzare

  • ricercale anche su Linkedin
  • valuta chi le utilizza e
  • in quali sezioni del profilo le ha inserite.

URL linkabili nel Profilo Linkedin

La citazione dell’azienda/e nella quale lavoro o altri riferimenti come il sito web o altre pagine, possono essere linkabili nelle informazioni o nelle informazioni / riepilogo?

La citazione dell’azienda è linkabile come sito web dalle informazioni di contatto posizionate nel profilo sotto il sommario.

Il sito web non è linkabile attraverso il semplice Url in nessun’altra sezione del profilo.

Dove il sito è Linkabile su Linkedin

Il sito è comunque linkabile attraverso l’inserimento di link specifichi (articoli, landing page per esempio) nelle esperienze lavorative o nei contenuti in evidenza.

La pagina Linkedin dell’azienda indicata come posizione lavorativa attuale e principale è cliccabile dal logo sotto il banner di sfondo e dalle esperienze di lavoro.

Altri riferimenti a siti web, articoli o altri link esterni a Linkedin, non sono attualmente cliccabili indicandone l’URL in alcuna sezione del profilo Linkedin neppure da mobile, sono invece cliccabili dalla pagina Linkedin attraverso il PULSANTE sulla pagina.


Profilo Linkedin in più lingue

È possibile e utile creare il proprio profilo in 3 lingue (italiano, inglese e tedesco)? Anche se non mi rivolgo a clienti stranieri, ho una formazione e delle competenze linguistiche importanti e mi interessano, nello specifico, potenziali offerte di collaborazione per traduzioni.

La scelta di creare il profilo in più lingue è di certo collegata alla ricerca di opportunità di interazione a scopo professionale con persone che parlano le lingue del profilo. Nel caso di persone che offrono servizi di traduzioni, il profilo nelle lingue per le quali offrono i propri servizi è un ottima referenza, la prova evidente che la lingua profilo è ben conosciuta.


Contenuti in primo piano su Linkedin

È possibile adattare la foto di un post negli elementi in primo piano centrando l’immagine?

I contenuti in primo piano non possono essere riadattati ma solo fissati e messi in evidenza nella sezione.


Linkedin e informazioni di contatto

Dove posso inserire le informazioni di contatto?

Le informazioni di contatto le inserisci al momento della creazione del profilo e puoi modificarle in qualsiasi momento dalla matita sotto l’immagine banner di sfondo.

È possibile inserire

  • Sito web (fino a tre URL diversi, quindi potresti inserire qui anche il link al tuo canale Telegram, al tuo profilo Instagram o alla tua pagina Facebook)
  • Indirizzo e-mail (è quello che hai indicato su Linkedin come principale)
  • Numero di telefono
  • Collegare il tuo account Twitter (così è possibile condividere un post in contemporanea anche su Twitter)
  • Più di un link di messaggistica istantanea (tra cui Skype, WeChat e Google Hangouts)

Un ulteriore consiglio è quello di inserire una Call To Action “Contattami” con i tuoi contatti anche nella sezione Informazioni/Riepilogo affinché chi sta leggendo questa sezione del profilo possa leggerli immediatamente.


La sezione Linkedin “Disponibile per”

Come consigli di utilizzare la sezione “Disponibile per” ?

Questa sezione è suddivisa in tre elementi

  1. Selezione del personale
  2. Cambiare lavoro
  3. Servizi offerti

Selezione del personale permette di pubblicare una schematica offerta di lavoro gratuita e all’attivazione la tua foto profilo assume una cornice viola con la scritta #HIRING.

Cambiare lavoro se cerchi nuove opportunità di lavoro ti permette di comunicarlo, a tua discrezione, solo ai recruiter oppure a chiunque, grazie alla cornice verde OPEN TO WORK.

Se mostri a tutti la tua disponibilità a cambiare lavoro, potranno vederlo anche i colleghi o i recruiter della tua azienda attuale.

Se scegli di mostrare l’OPEN TO WORK solo ai recruiter, chi ha licenza Linkedin Recruiter vedrà che cerchi nuove opportunità, Linkedin puntualizza che cercherà di non mostrare questa opzione ai recruiter della tua azienda attuale ma non può dartene garanzia.


Cosa è la Dashboard Linkedin

Esattamente cosa rappresentano i valori nella dashboard Linkedin?

La dashboard Linkedin è visualizzabile interamente solo dai profili Linkedin Premium.

É possibile vedere

  1. i visitatori del profilo (degli ultimi 90 giorni), informazione nell’area sinistra della dashboard
  2. le view dell’ultimo post pubblicato, informazione al centro della dashboard
  3. le volte che il profilo è apparso in una ricerca (nell’ultima settimana), informazione a destra della dashboard

Solo se sei un utente Premium puoi accedere a tutte le informazioni, gli utenti Linkedin Free possono vedere solo le ultime cinque visite al loro profilo.

Serve quindi Linkedin Premium? Se vuoi vedere tutti e hai più di cinque visite al giorno, può essere utile acquistare un account Linkedin Premium, diversamente ti sarà sufficiente accedere a Linkedin una volta al giorno.

Attenzione! Se utilizzi Linkedin in modalità privacy privata  e hai un account Linkedin Free non puoi vedere chi visita il tuo profilo.

Anche con l’account Linkedin Premium non potrai vedere chi visita il tuo profilo in modalità privata.


Il grafico nella dashboard Linkedin

Nella mia dashboard non compare il grafico di chi ha visitato il profilo. Qual è il motivo? Forse i dati raccolti sono ancora troppo bassi?

La dashboard è visualizzabile quando c’è almeno una visita negli ultimi 90 giorni, il grafico è attualmente disponibile sono per gli utenti Premium, secondo quanto segnala l’assistenza Linkedin a chi ne fa richiesta e rimanda per questa spiegazione ad una pagina della guida Linkedin online


Il posizionamento del profilo Linkedin nei risultati del motore di ricerca

Per verificare il posizionamento del mio profilo in base ad una ricerca (come navigatore generico) per parola chiave, esiste una procedura specifica?

Purtroppo non esiste alcuna procedura e a parità di keyword il medesimo profilo compare prima o dopo nei risultati del motore di ricerca a seconda di chi effettua la ricerca stessa.

Ti ricordo infatti che i profili sono visualizzabili entro il terzo grado di collegamento, pertanto in alcuni casi un profilo può anche non comparire nelle ricerche se non è nella rete di chi effettua la ricerca stessa.

Oltre che la presenza delle parole chiave, si è osservato che un profilo più completo compare più facilmente tra i primi risultati del motore di ricerca.


Ci sono elementi che portano una rilevanza tra i risultati del motore di ricerca

Elemento determinante è la rilevanza legata al numero delle conferme di competenze sulla parola chiave o delle referenze ricevute.

Potrai ricorrere a Google Trend per farti aiutare nella scelta delle parole chiave ed ti consiglio di osservare i profili di chi svolge il tuo medesimo lavoro.

Se utilizza le tue medesime keyword e si posiziona meglio di te nei risultati del motore di ricerca, esamina come ha compilato il profilo e valuta una distribuzione delle keyword in modo analogo.

Un ultimo suggerimento: pubblica contenuti con le medesime keyword, potrebbe agevolare la tua scalata nei risultati del motore di ricerca.


Le domande sul Network Linkedin

Collegamenti di primo grado e Follower

Quando aggiungo un follower nel mio profilo, Linkedin attiva il SEGUI questo profilo in automatico? Se non voglio seguirlo più, ovvero non avere feed da questo profilo, devo poi deselezionarlo.

Follower e collegamenti, i due numeri non coincidono, quali sono le differenze?

 Distinguiamo il concetto di Follower dal concetto di Collegamento Linkedin.

I collegamenti di primo grado su Linkedin sono le persone di cui hai accettato la richiesta di collegamento o viceversa loro hanno accettato la tua richiesta di collegamento, con queste persone il segui è automatico e reciproco, quindi l’algoritmo di Linkedin ti dà la possibilità di vedere nella tua Home cosa loro pubblicano e viceversa.

Smettere di seguire su Linkedin

È comunque possibile mantenere attivo il collegamento Linkedin e smettere di seguire una persona in quanto non trovi più interessanti i suoi contenuti Linkedin.

Questo è il motivo per cui tra il numero collegamenti e il numero follower potresti trovare anche un grande divario.

Se il numero dei tuoi follower è inferiore al numero collegamenti significa che più persone hanno smesso di seguirti, i tuoi contenuti non erano o non sono di loro interesse.

Se il numero dei follower è superiore al numero di collegamenti è un segnale positivo di interesse da parte delle persone su Linkedin oltre la tua rete di primo grado.


Con quale criterio Linkedin fornisce la lista dei contatti importanti?

Occorre distinguere la lista dei contatti importanti tra chi ha visitato il tuo profilo e quelli che Linkedin ti suggerisce come persone che potresti conoscere.

Nel primo caso viene effettuata una valutazione rispetto a parametri di interazione anche attraverso messaggi privati e, tra chi ha visitato il tuo profilo, vengono proposti solo alcune persone come segnalazione importante.

A dire il vero non avremmo necessità della segnalazione di Linkedin per valutarlo anche da soli, è uno dei suggerimenti offerti a tutti ma i profili interessanti vengono visualizzati solo da chi paga un account Linkedin Premium, agli altri viene suggerito l’abbonamento.

Nella sezione rete, vengono suggeriti una serie di profili che potresti conoscere

  • In base a ruoli simili
  • Stessa localizzazione geografica
  • Settore comune ad altri profili nella tua rete
  • Membri di un gruppo a cui sei iscritto
  • Profili seguiti da altri nella tua rete
  • Gruppi o Pagine correlati ad altri Gruppi/Pagine già seguite

Settaggi privacy – Altri profili consultati

Cosa vuol dire la sezione “Altre aziende consultate” che compare sulla destra di alcuni profili Linkedin? Esiste un settaggio che gestisce questa sezione visto che non compare su tutti i profili?

La sezione del profilo “Altre aziende consultate” è l’errata traduzione dell’Inglese “People also Viewed” e indica quali altri profili sono stati visitati (oltre al tuo profilo) dalle persone che hanno visitato il tuo profilo.

È probabile che tra questi profili ce ne siano alcuni di tuoi concorrenti diretti, ecco perché ti consiglio di settare la privacy del tuo profilo oscurando la visibilità di questa sezione secondo questa successione

  1. accedi ai settaggi privacy
  2. seleziona nel pannello di sinistra “Preferenze account”
  3. poi dal medesimo pannello seleziona “Preferenze sito
  4. e infine nella parte centrale della pagina scegli “Altri profili consultati

Il motore di ricerca Linkedin

Come funziona il motore di ricerca? Occorre il maiuscolo per le parole tra doppi apici?

Il motore di ricerca Linkedin funziona con gli Operatori Booleani utilizzati da molti linguaggi informatici e cioè

AND

OR

NOT

Gli operatori su Linkedin funzionano solo se scritti interamente in maiuscolo per cui And  oppure and non funzionano!

Le Keyword che cerchi su Linkedin, se contengono più parole devi inserirle tra doppi apici, ossia il simbolo “ che trovi in alto sulla tastiera sopra il numero 2, premendo Shift.

Se cerchi parole singole i doppi apici puoi ometterli.

La keyword con una o più parole puoi scriverla indifferentemente in maiuscolo o minuscolo, il motore di ricerca Linkedin NON è case sensitive.

Esempi di ricerche:

  • “SOCIAL MEDIA MANAGER” AND FACEBOOK [è corretta]
  • “Social Media Manager” AND Facebook [è corretta]
  • “Social media manager” and Facebook [non è corretta, occorre scrivere AND maiuscolo]
  • Social media manager AND facebook [non è corretta, occorre scrivere tra doppi apici “Social media manager”]

Domande sui contenuti Linkedin

Modifiche ai post già pubblicati

Una volta condiviso un post si può modificare solo il contenuto oppure è possibile modificare e adattare anche la foto?

I post pubblicati possono essere modificati solo nel testo e non negli allegati.

Dell’immagine è possibile effettuare la modifica del solo Testo Alternativo.


Commenti e collegamenti oltre il terzo livello

Se non possiamo collegarci oltre il terzo livello quando visualizziamo i commenti nei post significa che quelle persone fanno parte della rete di chi ha inserito il post stesso?

Da Linkedin non rintracciamo i profili oltre il terzo livello di collegamento nel motore di ricerca.

Da Sales Navigator possiamo rintracciare e visualizzare i profili oltre il terzo livello ma non possiamo effettuare la richiesta di collegamento a meno che non abbiamo una Licenza Enterprise con la quale possiamo sbloccare 25 profili al mese oltre il terzo livello.

Diverso è il commento ai post altrui. Se vediamo persone oltre il terzo livello nei commenti ad un post, è probabile che siano entro il terzo livello nella rete dell’autore del post o di chi lo ha commentato.


La visibilità dei post nel Feed

I post che visualizzo sono pubblicati oppure consigliati dai componenti del mio network di primo grado?

Nella tua Home vedi l’attività svolta a livello di pubblicazione diretta di contenuti e interazioni sui contenuti altrui, da parte dei tuoi collegamenti di primo grado e non da tutta la tua rete (col il termine generico Rete intendiamo i collegamenti di primo, secondo, terzo grado).

I post di collegamenti di secondo grado li vedi nella tua Home grazie alle interazioni dei collegamenti di primo grado sui loro post quindi Consiglia / Commenti / Condivisioni e non solo i post consigliati.


Personal branding VS Employer branding

Quando si gestisce anche una Pagina Linkedin (o una Pagina vetrina) è meglio concentrarsi sul proprio personal branding o agire in maniera specifica sulla gestione della pagina?

Quali accorgimenti sono utili ed efficaci nel gestire il profilo in ottica di migliorare anche le “conversioni” alla pagina aziendale?

A chi gestisce una Pagina è vivamente consigliato utilizzare Linkedin per il proprio personal / professional branding indipendentemente dall’essere amministratore di una o più pagine

Gli iscritti a Linkedin non vedono chi è amministratore delle pagine ed ognuno di noi deve puntare alla propria immagine professionale indipendentemente dal gestire o meno la pagina aziendale su Linkedin.

I contenuti della pagina avranno visibilità grazie

  • al numero follower della pagina, che vengono selezionati dall’algoritmo Linkedin tra coloro i quali vedranno dalla loro Home le pubblicazioni delle pagine che seguono
  • alle interazioni che ricevono i contenuti stessi attraverso Consiglia e Commenta, con una importanza maggiore assegnata al numero dei commenti

Se un amministratore di pagina vuole “spingere” la visibilità dei contenuti di una pagina può certamente interagire con la pagina stessa, ma ciò è consigliabile a patto che il suo ruolo in azienda abbia una coerenza con i contenuti pubblicati dalla pagina, esempio se l’amministratore ha un ruolo tecnico o commerciale e quindi ha una autorevolezza in ciò che scrive nei


Vuoi partecipare anche tu alle sessioni di confronto live mensili insieme ad altri professionisti?

Ogni mese gli iscritti al percorso di formazione Linkedin online Linkedin HUB si incontrano con me ed espongono le loro domande, dubbi ed errori che temono di commettere su Linkedin.

Puoi iscriverti a Linkedin HUB in qualsiasi momento.

Perchè scegliere i corsi Linkedin online e corsi Sales Navigator online LINKEDIN HUB e prezzo